Rivista di Diritto e Pratica della Risoluzione delle Controversie in materia di Proprietà Industriale
Anno 1 - Numero 0
Visualizza Articolo
Scegliere il 'giusto' mediatore in materia di PI
Milano, 23 febbraio 2015. In un precedente articolo dal titolo 'Perché e quando mediare un contenzioso brevettuale ?' abbiamo esplorato l'importanza della tempistica della mediazione di una controversia di proprietà intellettuale. Mediare troppo presto potrebbe significare avere troppo poche informazioni per consentire una transazione consapevole della controversia. Mediare troppo tardi potrebbe significare spese inutili e posizioni irrigidite. Abbiamo poi esplorato come la natura e la fase della controversia potrebbe aiutare ad assumere una decisione sulla migliore tempistica per transigere.
            
Una volta che avete deciso di mediare, è necessario essere d'accordo con le controparti sul mediatore. Il mediatore per la vostra controversia in Proprietà Industriale (PI) deve essere non solo giuridicamente e tecnicamente competente, ma anche abile nel condurre mediazioni.
            
Uno dei ruoli del mediatore è quello di aiutare le parti a testare ed esplorare la propria posizione sul probabile esito del caso e la forza delle loro posizioni. Un mediatore con una vasta esperienza in questioni di PI sarà in grado di capire i problemi e aiutare le parti a valutare le loro posizioni. In una controversia brevettuale, per esempio, un mediatore esperto in diritto industriale sarà in grado di comprendere le differenze di opinione nella materia tecnica di riferimento, lo stato dell'arte precedente, le argomentazioni tecniche basate sulla indeterminatezza, la mancanza di rivendicazione o di descrizione, e una serie di altre questioni tipicamente derivante in una controversia brevettuale. Allo stesso modo, un mediatore che ha avuto un'effettiva esperienza in una controversia su marchio, ha rappresentato un cliente avanti la Commissione di Ricorso o la Commissione d'Appello dell'UAMI o ha svolto l'incarico di consulente tecnico di parte (CTP) o la funzione di Consulente Tecnico d'Ufficio (CTU) è in una posizione di gran lunga migliore per aiutare le parti a valutare i punti di forza e di debolezza delle loro posizioni e di arrivare a una soluzione ragionevole e consapevole. Un mediatore che non ha avuto queste esperienze può avere difficoltà a comprendere le posizioni delle parti.
            
E' anche fondamentale che il mediatore abbia notevoli capacità di mediazione. I mediatori sono in genere necessari per scoprire, capire e valutare le motivazioni delle parti, la psicologia e altri fattori umani che stanno alla base del contenzioso e della transazione. Dopo tutto, le parti vengono coinvolte in controversie non per soddisfare qualche principio giuridico astratto, ma a causa dei loro interessi e della loro visione della correttezza. Tecnicalità, legge e fattore umano della controversia rappresentano caratteristiche fondamentali nella selezione di un mediatore. Ma è necessario chiederle all'Organismo di Mediazione. Il miglior servizio al vostro cliente è identificare e utilizzare un mediatore che può portare conoscenza ed esperienza in tutti questi settori per agevolare la soluzione della controversia in senso a voi favorevole. Più esperienza e abilità lui o lei hanno nell'aiutare le parti e il lavoro dei loro rappresentanti (consulenti in proprietà industriale o avvocati) in tutti i problemi e le dinamiche in atto, più è probabile che la mediazione sarà un successo.
            
Naturalmente, la scelta del mediatore non spetta solo a voi. E' una scelta condivisa con l'altra parte in mediazione. Di solito sarà necessario concordare la nomina del mediatore con il rappresentante dell'altra parte (Consulente in PI o avvocato), anche se in caso di contrasto e se richiesto da entrambe le parti, l'Organismo di Mediazione (OdM) può scegliere il mediatore per voi. Nel decidere chi proporre come mediatore o valutare le proposte della controparte per i mediatori sarà fondamentale concentrarsi sulla competenza ed esperienza nella materia della controversia e nelle tecniche di mediazione. Proporre un mediatore che ha dimostrato le qualità rende ancora più probabile che la controparte sarà d'accordo con la tua indicazione.

Pierfrancesco C. Fasano

[Riproduzione riservata] 

Indietro/Chiudi
MFSD
COPERTINA